29 feb 1944

Un pacco dall’Italia

Anche questi giorni sono passati in un lampo. Siamo stati sul punto di partite ma ora tutto è sospeso, L’altra notte sono state rubate dalla dispensa della cucina alcune pagnotte, dello zucchero della margarina,per punizione il personale addetto è stato licenziato e sostituito con un altro.
Questa sera forse ci verrà distribuita una buona minestra, spero di non deludermi (ma quella mia idea che lo stomaco mi si fosse adattato alla fame che fine ha fatto? Essa è ritornata, fedele ed inseparabile compagna).
Oggi per la prima volta nella nostra baracca è arrivato un pacco dall’Italia; tutti noi ci affolliamo attorno ed ammiriamo con ingordigia quel lardo, quel tabacco quella pasta invidiandone il destinatario.
Sempre insistente la voce di un nostro rientro con il dono di una Pasqua tra i nostri cari.